La normativa vigente in Italia sulla sicurezza nel cantiere

La normativa corrente riguardante la sicurezza nei cantieri edili ruota ovviamente intorno a un perno principale e inamovibile. Il Testo unico sicurezza sul lavoro. Non avrebbe potuto essere altrimenti, essendo il cantiere un luogo di lavoro ed essendo ancora il cantiere uno dei luoghi di lavoro con il maggiore tasso di rischio, dove la prevenzione, il controllo, la tutela sono assolutamente necessari.

Il Testo unico è stato integrato nel 2009, modificato in alcuni propri commi e articoli dal Decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”. Un decreto che ne ha modificato alcuni articoli, commi, conferendo al testo la forma attuale adesso in vigore. Alcune delle integrazioni apportate dal decreto del 2009 hanno interessato in particolare la sicurezza nei cantieri, la disciplina della salute, del coordinamento. Vedremo nella pagina del nostro sito interamente dedicata al Testo unico sulla sicurezza sul lavoro cosa la norma corrente preveda a riguardo, rispettando e citando ovviamente gli ultimi aggiornamenti citati..

formazione e consulenza sicurezza in cantiere

Riportiamo di seguito uno stralcio di una articolo del D.lgs 81/08 riguardante il datore di lavoro:

“Articolo 96 – Obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti:

  1. I datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, anche nel caso in cui nel cantiere operi una unica impresa, anche familiare o con meno di dieci addetti:
    1. adottano le misure conformi alle prescrizioni;
    2. predispongono l’accesso e la recinzione del cantiere con modalità chiaramente visibili e individuabili;
    3. curano la disposizione o l’accatastamento di materiali o attrezzature in modo da evitarne il crollo o il ribaltamento
    4. curano la protezione dei lavoratori contro le influenze atmosferiche che possono compromettere la loro sicurezza e la loro salute;
    5. curano le condizioni di rimozione dei materiali pericolosi, previo, se del caso, coordinamento con il committente o il responsabile dei lavori;
    6. curano che lo stoccaggio e l’evacuazione dei detriti e delle macerie avvengano correttamente avvengano correttamente;
    7. redigono il piano operativo di sicurezza.
  2. La previsione di cui al comma 1, lettera g), non si applica alle mere forniture di materiali o attrezzature. In tali casi trovano comunque applicazione le disposizioni di cui all’articolo 26.” datore di lavoro: “ L’accettazione da parte di ciascun datore di lavoro delle imprese del piano di sicurezza e coordinamento nonché la redazione del piano operativo di sicurezza costituiscono, limitatamente al singolo cantiere interessato”.

Gli aggiornamenti della norma sulla sicurezza sul lavoro

Fin qui, abbiamo presentato la base della normativa italiana, le fondamenta. Nel corso degli ultimi anni poi, a partire dal 2009 sono sopraggiunti dei decreti, delle circolari ministeriali, legiferanti su alcuni aspetti particolari della vita in cantiere e del giusto svolgimento delle opere. Primo fra questi e pubblicato nell’aprile del 2001 il decreto “Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’All. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008,n. 81, nonché i criteri per l’abilitazione dei soggetti di cui all’articolo 71, comma 13, del medesimo decreto legislativo”.

Un decreto che ha interessato e interessa la verifica periodica della corretta manutenzione e del corretto funzionamento delle attrezzature da lavoro, della verifica, e della conseguente nomina da parte dei datori di lavoro, dei soggetti non istituzionali, come INAIL ad esempio, ma autorizzati dallo Stato, ai quali può essere concessa la nomina all’attuazione delle verifiche in questione.

Ancora il 2011 è stato l’anno in cui il Governo ha pubblicato il suo Decreto Sviluppo, 70/2011. Un decreto che per quanto riguarda il cantiere ha rivisto la prassi per la segnalazione e l’autorizzazione all’inizio di attività. È il decreto che ha sostituito nelle opere non considerate “pesanti” e soggette a vincolo ambientale, la SCIA con la DIA, introducendo quindi la segnalazione autocertificata di inizio attività, che sostituisce i 30 giorni di attesa per l’ottenimento del via ai lavori.

Finiamo ancora con il 2011. Il 10 febbraio il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha diramato la circolare n. 3328 in cui ha fornito indicazioni sulla regolarità della fornitura di calcestruzzo. Documento diramato per fornireagli operatori di un settore a particolare rischio infortunistico indicazioni operative, facilmente comprensibili, per una corretta gestione delle operazioni di fornitura del calcestruzzo nei cantieri temporanei e mobili, a garanzia di tutti i lavoratori coinvolti”.

Sicurezza in cantiere, cenni sulla storia della normativa

Fin qui abbiamo parlato della normativa corrente, garantendo ancora di approfondire in dettaglio il cuore della norma, il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro, e tutti i particolari aspetti della regolarità della vita in cantiere, nella pagine del nostro sito. Vogliamo chiudere però, citando a dovere alcune leggi basilari, che hanno permesso nei decenni in Italia, di arrivare alla situazione attuale.

Il testo più importante, e che ha “dettato legge” fino all’introduzione del D.lgs 81/08 è stato il “Decreto Legislativo 14 agosto 1996, n. 494 – Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili”. Decreto chiave, poi assorbito nel Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro. Si trattava di un testo cruciale, che ha introdotto nella normativa e che come la 626 è confluito quindi nel D.lgs 81/08.

Potremmo inoltre continuare nel citare il più recente “Decreto del presidente della repubblica 3 luglio 2003, n. 222 Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell´articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109 (legge quadro in materia di lavori pubblici)”; il “Decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001 n. 462 Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazione e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi”; la “Circolare Min. Lav. del 28/02/2007 N. 4 Problematiche inerenti alla sicurezza dei lavoratori nel caso di mere forniture di materiali in un cantiere edile o di ingegneria civile”.

Tutti provvedimenti passati, e dei quali il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro ha tirato la definitiva summa in un inquadramento totale e completo.

Il cantiere stradale e la sicurezza sul lavoro

Quello del cantiere stradale è un ambiente lavorativo particolare per il quale sia per la posizione sia per la consistenza delle opere...

Il cantiere stradale e la sicurezza sul lavoro »

La 494, la sicurezza nei cantieri prima del testo unico e durante la 626

Fino all’entrata in vigore del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro Dl.gs 81/08 la normativa italiana riguardante la sicurezza nei...

La 494, la sicurezza nei cantieri prima del testo unico e durante la 626 »

Servizi igienico assistenziali

La metà dell’Allegato XIII del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro D.lgs 81/08 è dedicata all’igiene e ai servizi nei cantieri...

Servizi igienico assistenziali »

La segnaletica per la sicurezza sul lavoro nei cantieri

Il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro dedica alla segnaletica e alle misure visive utili alla conoscenza e quindi alla prevenzione dei...

La segnaletica per la sicurezza sul lavoro nei cantieri »

I ponteggi, la protezione nel cantiere contro gli infortuni

Le norme riguardanti i ponteggi sono inserite sostanzialmente nel “Capo II del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro” chiamato...

I ponteggi, la protezione nel cantiere contro gli infortuni »

Norme e leggi sui lavori in quota

La normativa italiana riguardante la sicurezza dei lavori in quota e quindi che riguarda la sicurezza nei cantieri nel caso si utilizzino...

Norme e leggi sui lavori in quota »

I DPI per la sicurezza in cantiere

Per dispositivi di protezione individuali, anche chiamati in acronimo DPI si intendono gli indumenti e gli strumenti tramite i quali in...

I DPI per la sicurezza in cantiere »

Il testo unico e la sicurezza sul luogo di lavoro in edilizia

Il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro, Decreto legislativo 9 aprile 2008 è come noto ormai la legge di riferimento per la salute, la...

Il testo unico e la sicurezza sul luogo di lavoro in edilizia »